Festa dell'Ascensione di Gesù, omelia anno B, don Pietro Margini Festa dell'Ascensione di Gesù, omelia anno B, don Pietro Margini

Domenica Ascensione di Gesù, omelia di don Pietro Margini, anno B

Domenica Ascensione di Gesù, omelia. Accompagnati  dalle parole di don Pietro Margini (1917-1990), per vivere con frutto questo tempo prezioso.

At 1,1-11; Ef 4,1-13; Mc 16,15-20

Oggi è un giorno di grande esultanza. Un’esultanza e una gioia che dobbiamo sentire fortissime nell’intimo del nostro cuore, perché dobbiamo vedere realizzata in Gesù la sua gloria e la nostra gloria. Lo ha detto lui: “Dov’è il tuo tesoro ivi è anche il tuo cuore” (cfr Lc 12,34).  È là il nostro tesoro, e là deve essere il nostro cuore. Dobbiamo con forza sentire come siamo del cielo, come la nostra patria vera è il paradiso, come questa terra presenta solo una prova e una testimonianza.

Dobbiamo guardare al paradiso, desiderare il paradiso, far di tutto per assicurarci il paradiso; di tutto! La nostra povertà ci tenterebbe a guardare in giù. Troppo spesso sappiamo di terra. Il pericolo è proprio che, quando si sa di terra, si viva di terra, e che ci facciamo delle illusioni che sono dannose ed emollienti. Speriamo troppo sulle cose della terra, poco speriamo il paradiso. E di fronte alla morte, la maggior parte ha solo, pur avendo fede, rassegnazione. Diceva san Paolo: “Io desidero d’essere sciolto dai legami del mio corpo, per essere con Cristo” (cfr. Fil 1,23). La vera nostra aspirazione! Il nostro impegno!

Vorrei che la meditazione sull’Ascensione del Signore ci desse una spinta tanto grande, un desiderio forte di vita eterna; vorrei che sapessimo scegliere sempre ciò che è più utile per la vita eterna, non quello che è più comodo, non quello che ci illude, che ci abbassa. Quello che è più utile!

Oh, come siamo pigri alle volte perché non pensiamo al paradiso! Facciamo fatica a pregare, e tralasciamo la preghiera, e facciamo fatica a essere caritatevoli, facciamo fatica a perdonare, facciamo fatica ad esercitare le opere di bene perché pensiamo poco al paradiso. Non pensiamo che il paradiso è dono ma è ancora conquista nostra. Dobbiamo collaborare con la grazia e impegnarci serenamente in tutto.

Vogliamo allora essere più attivi, più generosi, non perdere nemmeno una briciola di tempo perché il tempo vale l’eternità. Non una briciola di tempo! Impegniamoci, tesi sempre a realizzare quella pienezza di vita che si verificherà quando il Signore ci farà ascendere con lui al paradiso. La nostra abitazione è là! Corresuscitati con Cristo, cerchiamo le cose di lassù. Torna il salmo: “Cantate al Signore un canto nuovo” (cfr. Sal 96,1), non un canto con la lingua, un canto con la vita! Cantare con la vita è amare. “Amerai il Signore Dio tuo. Amerai il tuo prossimo” (cfr. Mt 22,37-39). Cantare con la vita è già camminare, è già ascendere.

Con l’aiuto della Beata Vergine ascendiamo con serenità, con continuità, con molta generosità. La nostra esistenza sia più fervida, più colma di tante opere di vita perché come nella Madonna si è verificato il disegno di Dio, il suo progetto, così si compia in noi fino in fondo.

Prossimi esercizi spirituali per tutti

Potrebbe interessarti anche

anniversario 8 gennaio

Santa Messa per il 27° anniversario della nascita al cielo di mons. Pietro Margini (centenario della nascita), fondatore del movimento Familiaris Consortio Cattedrale di Reggio Emilia, 8 gennaio 2017 Cari fratelli e sorelle, cari sacerdoti, consacrati e amici, figli di monsignor Pietro Margini, siamo qui per ringraziare assieme il Signore per il grande dono che […]

CONTINUA A LEGGERE

Condividi:

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le nostre iniziative

Leggi le condizioni: PRIVACY & COOKIES POLICY

Accetta le condizioni: