Gli Esercizi Spirituali sono uno dei fondamenti dell’insegnamento di molti Santi che don Pietro Margini proponeva ai suoi figli spirituali come un elemento necessario per crescere nella vita di fede. Don Pietro Margini insisteva sull’idea che non si trattasse “di una semplice e pia pratica spirituale”, ma di una vera e propria “esperienza spirituale”.

Ancora oggi annualmente il Movimento Familiaris Consortio organizza e propone annualmente uno o due corsi di esercizi spirituali per famiglie e adulti predicati da alcuni sacerdoti appartenenti alla “Comunità Sacerdotale Familiaris Consortio“.

Sono solitamente articolati in tre giornate, durante le quali si alternano meditazioni tenute dai sacerdoti, momenti di riflessione personale, momenti di preghiera sia personale che comunitaria.

Il tempo degli Esercizi è scandito dal silenzio e dalla preghiera. Un silenzio che non è vuoto, ma ascolto della parola di Dio: si tace per disporsi a un ascolto più intimo e personale, per impedire che la Parola di Dio venga filtrata attraverso interpretazioni parziali di altri. E’ svuotarsi di tutti i rumori che impediscono l’ascolto perfetto di Dio e anche di se stessi. Allora il silenzio diventa preghiera, diventa contemplazione e questa non ha bisogno di parole per pregare. È Dio stesso e il suo Spirito che prega in noi.

Ci sono momenti di preghiera comunitaria, la liturgia eucaristica e la liturgia delle ore, durante i quali riacquistiamo il senso di non essere isolati e distanti dagli altri, ma parte di un popolo in cammino, che si  aiuta e si sostiene.

Durante gli Esercizi Spirituali stiamo in ascolto desiderosi di ricevere luce e forza sulla nostra vita in clima di intimità e comunione col Signore.

A conclusione di questa esperienza,  è proposta la possibilità di accostarsi al Sacramento della Riconciliazione che ci pone davanti a Dio nella verità, per scoprire le nostre debolezze e i nostri peccati, e così riconciliarsi pienamente con Lui. Per chi lo volesse esiste anche la possibilità di farsi aiutare, nella preparazione al Sacramento, secondo la modalità propria di Giovani & Riconciliazione; la presenza di un’altra persona, vicina per età, sensibilità o amicizia, può essere un valido aiuto nel risvegliare la coscienza e suscitare il desiderio del perdono di Dio.

Il corso termina con la solenne Celebrazione Eucaristica e con la benedizione che concede l’indulgenza plenaria a chi abbia partecipato al corso per tutta la sua durata.

Archivio